La European Citizens 'Consultation 2009

La European Citizens 'Consultation 2009

Inglese

Problemi e Finalità

Consultazione dei cittadini europei 2009 (ECC09) è stato un esperimento deliberativa transfrontaliera partecipativo, che mirava a dare ai cittadini di tutta Europa una piattaforma per mettere avanti e discutere le idee con gli altri cittadini dell'UE. L'obiettivo dichiarato della ECC09 è stato quello di dare ai cittadini europei una voce e permettere loro ingresso nel determinare il futuro economico e sociale dell'Europa. Gli obiettivi principali erano di promuovere l'interazione tra i cittadini ei responsabili politici, stabilire i cittadini come consulenti politici, avvicinare l'UE ai cittadini, aumentare l'interesse del pubblico per l'Unione europea, espandere le reti della società civile in tutta l'UE, e di sviluppare la partecipazione dei cittadini come una politica strumento per il futuro.

Il progetto è stato diviso in quattro fasi. La prima fase consisteva in un forum online che era aperto a tutti i cittadini dell'UE, al fine di discutere e elaborare proposte relative al tema   [1], che è stato scelto per la sua importanza per i cittadini europei, ha dato input per decisioni responsabili, e tempestiva Ingresso prima delle elezioni europee del giugno 2009. L'obiettivo della prima fase è stato quello di consentire a tutti i cittadini europei abbiano la possibilità di aggiungere le loro preoccupazioni per gli argomenti trattati durante le manifestazioni nazionali.

La seconda fase ha preso la forma di eventi consultivi nazionali. Ogni evento si è svolto nell'arco di due giorni in tutti i 27 Stati membri con i cittadini scelti a caso sulla base di un sistema di quote per garantire la corretta rappresentazione della composizione demografica di ciascun paese. Lo scopo della fase nazionale deliberazione è stato quello di elaborare su dieci raccomandazioni che comprendeva le opinioni della consultazione di due giorni. Il primo giorno, i partecipanti hanno lavorato insieme per definire dieci preoccupazioni che essi concordati devono essere discussi ulteriormente. Il secondo giorno, i partecipanti redatto consigli e voto su quelli che preferivano. Successivamente, la top ten voto ricevere consigli da ciascuno dei 27 Stati membri sono stati riassunti e combinati in un numero minore di raccomandazioni, che dove poi votato di nuovo da parte dei partecipanti di tutte le consultazioni nazionali per scegliere i 15 raccomandazioni finali e ufficiali. 

Nella terza fase del ECC09, 280 proposizioni (i primi dieci voto ricevere raccomandazioni dagli eventi nazionali) sono stati condensati in 88 raccomandazioni, a seconda delle loro categorie concettuali, e sono stati nuovamente resi disponibili on-line. Ogni sito web nazionale ha presentato le stesse raccomandazioni nella loro lingua madre in modo che i partecipanti agli eventi nazionali potessero di nuovo li discutere e anche scegliere le 15 proposte che sarebbero le raccomandazioni finali. In origine, si è inteso che questa fase sia aperto al pubblico, tuttavia, gli organizzatori temevano l'influenza di gruppi organizzati che minacciava di dominare il voto.

La quarta e ultima fase si è svolta a Bruxelles, dove i partecipanti (150 in totale) da ognuno dei 27 eventi Stati membri ha incontrato, rivisto e discusso le raccomandazioni finali insieme una volta. Poi il secondo giorno li hanno presentato ad alcuni migliori responsabili politici dell'UE in un contesto ufficiale. A seguito del vertice di Bruxelles, ci sono stati quattro conferenze in quattro paesi diversi (Danimarca, Francia, Irlanda e Slovacchia), in cui i cittadini sono stati invitati a discutere i temi del cambiamento climatico, la salute, l'istruzione e la lotta contro la povertà con qualche neo-eletto I membri del Parlamento europeo (MEP).


[1] Il tema della ECC09 era "Che cosa può fare l'UE per plasmare il nostro futuro economico e sociale in un mondo globalizzato?"

Storia

ECC09 era evento Consultazione seconda cittadini europei, la prima nel 2007.

Enti originari e finanziamenti

L'evento del 2009 è stato co-finanziato dalla Commissione Europea, nell'ambito del suo progetto "Debate Europe", e di 40 altre organizzazioni europee Charitable Trust, il più grande contributore è la Fondazione Re Baldovino (KBF).

Deliberazione, Decidere, e Interaction pubblico

Fase Consultazione online: Parte I: Idea Generation

La fase online del CEC è stato aggiunto per la prima volta nel 2009. Pertanto, il processo non è stato ancora perfezionato, tuttavia, molto è stato imparato e anche migliorare la metà del passo con la prima rata. L'obiettivo della somma era quello di permettere a più persone di essere inclusi nel processo di consultazione e anche per aumentare la visibilità del progetto rendendolo disponibile on-line. La fase on-line costituito da un portale web che è stato reso disponibile e ha permesso a tutti i cittadini europei a partecipare a dibattiti su e anche la possibilità di elaborare proposte sul tema di consultazione [vedi sopra]. Il portale discussione online era accessibile da dicembre a marzo del 2009. C'era un sito principale, che era il Portale europeo, che consisteva di informazioni di base e potrebbe anche indirizzare gli utenti a pagine web nazionali di cui c'erano 28 [1].

I siti nazionali erano composti da tre sezioni: la sezione informazioni, la sezione dibattiti, e la sezione che conteneva le proposte e ha permesso agli utenti di votare su di essi. C'erano una o due squadre di moderatori responsabili di ogni sito nazionale e ogni squadra è stato dato istruzioni dettagliate con cui arbitrato i forum, anche in modo che non ha effettuato attività di censura proposte, anche se erano ovviamente off-topic in modo da non mettere in pericolo la reputazione del progetto nel suo insieme. Lo scopo dietro, e uno degli aspetti più motivanti per la partecipazione a, la fase in linea era che i 10 più alti voto ricevere proposte da ogni sito nazionale sarebbero le raccomandazioni utilizzate nelle consultazioni nazionali che dovevano seguire la parte online. 

Il vantaggio di un forum online come questo è che può essere reso accessibile a chiunque con un dispositivo, che ha accesso a Internet (computer desktop, laptop, tablet, smart-phone, ecc) indipendentemente dalla loro ubicazione o calendario. Secondo i dati raccolti da Kies et al, questa flessibilità consentito per 28,536 utenti di registrarsi con i loro rispettivi forum online nazionali e poco meno di 150.000 visitatori totali diversi ai siti delle date del 1 ° gennaio al 1 ° maggio. Così, al giorno, ogni sito nazionale ha ricevuto una media di poco più di 30 diversi visitatori al giorno. Questi sono numeri impressionanti, e come Kies ei suoi colleghi sottolineano: 

Questi dati generali sul tasso di partecipazione devono essere considerati come positivi dato che le questioni europee (affiancate da live jasmin ) sono generalmente fortemente repulsiva per i cittadini laici e che la ECC09 è una procedura sperimentale che non garantisce alcun impatto concreto sul processo decisionale (Kies et al 2012: 116 ).

Utilizzando Google Analytics, Kies e il suo team di ricerca sono stati in grado di monitorare come gli utenti hanno avuto accesso ai siti nazionali attraverso siti di riferimento come i siti web istituzionali siti e siti di social network europei. A seguito della consultazione attraverso siti di riferimento, l'accesso diretto ai siti web nazionali al secondo posto e l'accesso tramite l'uso dei motori di ricerca. Siti web da associazioni coinvolte o patrocinatori l'ECC ha contribuito anche al traffico dei siti '. Infine, collegamenti specifici a certe proposte sono state pubblicate su siti web che permettono di attivisti per la mobilitazione di interessi organizzati nel processo di selezione. L'aspetto negativo di un processo così aperto come quello sopra descritto è che non vi è alcuna garanzia che gli utenti registrati potranno infatti contribuire alla discussione. Mentre molti dei "lurkers" ancora leggere e votato le proposte, una molto piccola quantità effettivamente aggiunto loro ingressi ai forum di dibattito. 

I 28 siti web nazionali hanno prodotto un totale di 1.142 proposte distribuite in modo non uniforme tra i paesi con la Francia che produce la maggior parte (257), seguita da Germania (132), Spagna (115), l'Italia (84), Portogallo (63), e i siti rimanenti che vanta meno di 50 proposte ciascuno. Quando una selezione delle prime 15 proposte è stata valutata mediante analisi del contenuto per la loro qualità deliberativa, si è constatato che il livello di giustificazione e concretezza erano entrambi alti, mentre solo il 42% delle raccomandazioni realmente menzionato l'UE [2]. È interessante notare che i messaggi del forum hanno avuto la tendenza ad essere più in siti nazionali con meno numeri di posti e l'inverso era vero anche con i messaggi più brevi di essere trovati sui siti nazionali con un maggior numero di posti.


[1] Ci sono stati 28 siti web, uno per ciascun paese dell'UE e due per il Belgio in modo che i fiamminghi e le popolazioni di lingua francese potrebbero hanno ciascuno un sito nella propria lingua.

[2] Ancora, va notato che questo non era un risultato uniforme, ma una media da tutti i siti nazionali. Grecia e Lussemburgo di cui l'Unione europea nel 80% delle loro proposte, rispettivamente, mentre quelli provenienti da Francia, ad esempio, solo il 20% dei più alti proposte voto di ricezione di cui il sistema politico.

Nazionale Deliberazione Fase

La seconda fase della ECC09 è stata la fase nazionale Deliberazione, che consisteva di eventi deliberazione di due giorni che si svolgono simultaneamente su tre fine settimana nel marzo del 2009 con 9 paesi partecipanti simultaneamente su ogni fine settimana. Secondo il sito web ECC [1], "[l] a migliori idee e le preoccupazioni derivanti dal dibattito online nazionali e dagli altri otto paesi che tengono consultazioni nazionali dei cittadini nello stesso fine settimana" ha fornito il punto di partenza per i 27 consultazioni nazionali. Ogni evento ha tra 30 e 130 partecipanti scelti a caso a seconda delle dimensioni del paese con un totale di 1.635 partecipanti. I partecipanti sono stati selezionati sulla base di quote generali per età, sesso, status professionale, e della regione in modo che è stato ottenuto un gruppo demograficamente variegato.   Sono stati informati sui problemi del dibattito imminente attraverso schede che sono stati distribuiti prima degli eventi e sono stati anche in grado e incoraggiati a partecipare nella fase online. Detto questo, solo il 39% dei partecipanti della seconda fase realmente visitato i loro siti web nazionali [2].

Il primo giorno della consultazione composto dai partecipanti decidono insieme quali 10 idee e preoccupazioni dovrebbero essere focalizzate e elaborato nella seconda giornata. Il secondo giorno, i partecipanti redatto e votato le loro raccomandazioni. Il processo di consultazione si spostò tra piccole dibattiti con 10 a 12 persone, quando le idee sono stati elaborati su, e un grande evento, all'interno del quale sono stati richiesti i cittadini a votare alle raccomandazioni che avevano fatto. L'intero processo è stato guidato da facilitatori professionisti che sono stati accusati di guidare i partecipanti attraverso il processo di deliberazione, mentre anche fare in modo che il dibattito è rimasto rispettoso e mirato per ricevere input da parte di tutti. Questa fase ha beneficiato notevolmente da l'aiuto di altri, oltre ai facilitatori professionali, tra cui esperti, redazioni, e candidati nazionali per le prossime elezioni europee [3]. C'era anche Live Diretta e blogging dagli eventi nazionali, con i quali gli organizzatori speravano che un pubblico più ampio potrebbe essere raggiunto. Tuttavia, non ci sono dati disponibili su chi ha fatto uso di questi strumenti per seguire con gli eventi nazionali. 


[1] http://ecc.european-citizens-consultations.eu [Accessed: 25 Maggio 1013]

[2] Di chi ha fatto visitare i siti, 87% legge le proposte, che è lodevole, mentre molto meno (23%) hanno partecipato alla discussione. Tuttavia, 33% ha votato per almeno una proposta.

[3] Il lavoro dei curatori è stato quello di assistere i partecipanti nella redazione di raccomandazioni realistiche fornendo informazioni applicabili o addirittura a sfidare loro. Lavoro Le redazioni era quello di raccogliere le idee e le proposte da ciascuno dei tavoli di discussione e renderli disponibili agli altri 8 consultazioni nazionali che consentono l'interazione simultanea. Infine, i candidati sono stati invitati a discutere le raccomandazioni finali dei corrispondenti eventi nazionali dando così ai partecipanti il loro primo accesso diretto ai (potenziali) i responsabili delle decisioni.

 

Fase online: Part Two: Raccomandazione Dibattito

Dopo gli eventi nazionali, ci sono stati un totale di 280 raccomandazioni su diverse categorie concettuali come l'economia, l'occupazione, la politica sociale, ecc Queste raccomandazioni sono state prese dalla redazione, condensati e sintetizzati in modo che non ci fossero più i duplicati e simili suggerimenti sono stati combinati l'uno nell'altro. I risultanti 88 proposte sono state poi messe a disposizione sui siti web nazionali per i partecipanti di dibattere ancora una volta e anche consentono di voto per scegliere i migliori 15 raccomandazioni che sarebbero le raccomandazioni ufficiali da presentare nella fase finale. Gli organizzatori avevano originariamente destinato a consentire l'accesso pubblico a questa fase, tuttavia, a causa dei pericoli di gruppi organizzati potendo di influenzare il voto hanno deciso di renderlo aperto solo a coloro che avevano partecipato alle consultazioni nazionali. Meno del 60% dei partecipanti all'evento nazionale ha partecipato a questa fase.

La fase finale si è svolta il 10 e 11 maggio 2009, a Bruxelles. Ci sono stati 150 partecipanti in rappresentanza di 27 eventi nazionali. Erano volontari selezionati in base a età, sesso, e la nazionalità. L'intento originale era di non avere restrizioni sulla partecipazione in questa fase sulla base di lingua, tuttavia, evidentemente non era una possibilità di avere traduzione simultanea per tutte le lingue ufficiali dell'UE. Pertanto, i volontari di questa fase sono stati tenuti ad avere conoscenza della lingua inglese. Il primo giorno del vertice i partecipanti hanno esaminato le raccomandazioni finali che erano stati scelti dalla seconda fase online. Il secondo giorno, i partecipanti si sono incontrati con diversi top responsabili politici dell'UE, tra cui il Presidente del Parlamento europeo, il presidente della Commissione europea, e il Presidente del Comitato delle regioni. Le raccomandazioni sono state presentate ai responsabili politici e c'era una discussione tra loro ed i partecipanti. Questo ha dato l'accesso a 150 rappresentanti nazionali diretto al top decisori politici diverse settimane prima delle elezioni europee. 

Analisi e Lessons Learned

Il ECC09 era un impressionante scala partecipativa esperimento deliberativa. Il progetto è stato suddiviso in due fasi on-line, 27 consultazioni nazionali, e un vertice europeo. L'obiettivo della manifestazione era quello di produrre proposte che sarebbero presentati e consultati dai decisori europei. Le proposte sono state elaborate e votate nella prima fase on-line di decidere quali proposte saranno discusse nel corso delle consultazioni nazionali. Poi, nel corso delle consultazioni nazionali le proposte sono state affinate e dibattute prima di essere ridotto di nuovo attraverso il voto. Successivamente, il team editoriale combinata simile a tema proposte e nella seconda e ultima tappa in linea i partecipanti nazionali consultazione ha votato sulle proposte finali che sarà presentato ai decisori dopo il vertice europeo. Le consultazioni on-line e nazionali si sono svolte nelle lingue native di ogni paese consentendo la piena partecipazione, tuttavia, la fase vertice europeo si è limitato a coloro che hanno avuto una buona padronanza della lingua inglese.

La ECC09 concentrato sul portare insieme ai cittadini di formulare raccomandazioni politiche per decisori europei. Il gran numero di partecipanti mostra un esempio di come gli eventi deliberativo potrebbe essere integrato nel sistema politico europeo, tuttavia, ci sono carenze che devono essere affrontate prima che progetti come questo possono essere considerati legittimi aggiunte al sistema politico. Mentre, da un punto di vista deliberativa, l'inclusività del progetto era accettabile, l'inclusività di idee è stata ostacolata dalla necessità di consenso (Kies et al 2013). C'era anche un'abbondanza di presenza gruppo organizzato nella prima fase online dell'evento. Mentre è da aspettarsi che i gruppi organizzati avranno un tempo più facile mobilitare i loro elettori per azione, più attenzione deve essere posta sull'aumento della partecipazione dei cittadini medi. La rappresentatività delle consultazioni nazionali lasciava molto a desiderare in quanto c'era una sovra-rappresentazione di persone che sono state "altamente istruiti, politicamente interessato, e pro-Ue" (Kies et al 2013:. 132). Infine, il progetto fallì il suo obiettivo previsto di influenza politica, anche se la mancanza di impatto esterno è parzialmente oscurato dalla impatto interno di partecipazione. Coloro che hanno partecipato in modo schiacciante risposto come sentirsi più europeo dopo l'evento. L'evento non è riuscita nel suo obiettivo dichiarato, ma ha raggiunto una conseguenza involontaria di crescente attaccamento all'Europa.

 

Collegamenti esterni

http://ecc.european-citizens-consultations.eu/74.0.html

 

Caso dati

Panoramica

Argomento specifico (s): 
[dati inseriti]

Posizione

Geolocalizzazione: 
[dati inseriti]
Portata geografica: 
[dati inseriti]

Scopo

Qual era lo scopo previsto ?: 
[dati inseriti]

Storia

Data d'inizio: 
[dati inseriti]
Data di fine: 
[dati inseriti]
In corso: 
[dati inseriti]
Numero di giorni di riunione: 
[dati inseriti]

Partecipanti

I partecipanti mirate (Demografia): 
[dati inseriti]
I partecipanti mirate (ruoli pubblici): 
[dati inseriti]
Modalità di assunzione: 
[dati inseriti]

Processo

Metodi: 
[dati inseriti]
Facilitazione ?: 
[dati inseriti]
Se sì, sono stati loro ...: 
[dati inseriti]
FACEtoFACE, on-line o entrambi: 
[dati inseriti]
Tipo di interazione tra i partecipanti: 
[dati inseriti]
Decisione Method (s) ?: 
[dati inseriti]
Se il voto ...: 
[dati inseriti]
Pubblico mirato: 
[dati inseriti]
Metodo di comunicazione con il pubblico: 
[dati inseriti]

Organizzatori

Chi ha pagato per il progetto o iniziativa ?: 
[dati inseriti]
Tipo di finanziamento di entità: 
[dati inseriti]
Chi era il principale responsabile per l'organizzazione dell'iniziativa ?: 
[dati inseriti]
Tipo di organizzatori: 
[dati inseriti]
Chi altro ha sostenuto l'iniziativa?
[dati inseriti]
Tipi di Sostegno Entità: 
[dati inseriti]

Risorse

Bilancio totale: 
[dati inseriti]
Media di bilancio annuale: 
[dati inseriti]
Numero di personale a tempo pieno: 
[dati inseriti]
Numero di part-time del personale: 
[dati inseriti]
Tipo Staff: 
[dati inseriti]
Numero di volontari: 
[dati inseriti]

Discussioni

Nessuna discussione è stata ancora iniziata.